News

Bambini e tablet da 0 a 6 anni: Perché no!

Il tema per genitori, famiglie e società è nuovo e fondamentale: Bambini e Tablet da 0 a 6 anni: perché no.

Accanto agli indiscutibili effetti positivi, la tecnologia fra i bambini presenta anche diversi lati negativi.
Il dibattito in proposito si concentra sulla cosiddetta terza generazione, quella cresciuta fra smartphone, tablet e Wi-Fi e l’allarmismo è presente in particolare per quanto concerne i bambini fra i 2 e i 5 anni, spesso lasciati di fronte ad uno schermo.

In seguito ad uno studio condotto da Giovanni Riva, docente di psicologia dei nuovi media presso l’Università Cattolica di Milano, sono state individuate tre tipologie di rischi legati all’utilizzo di strumenti tecnologici da parte dei più piccoli:

  • Affaticamento eccessivo della vista
  • Pericolo di isolamento psicologico e sociale
  • Problemi legati al costo di talune app

Come per ogni cosa, l’esagerazione è il principale nemico.

È dunque di primaria importanza tenere i bambini sempre sorvegliati e controllare il tempo passato nell’utilizzo degli strumenti tecnologici: tablet e smartphone non sono, e non devono diventare, sostituti di baby sitter o metodi per mantenere tranquilli i bambini.
Inoltre l’incoraggiamento a svolgere attività manuali e/o giochi all’aria aperta, unitamente all’interazione diretta con genitori e coetanei, può fornire un aiuto fondamentale a prevenire la dipendenza dagli strumenti tecnologici.

Vuoi maggiori informazioni? Scrivi a: ricreazione@cooperativaprogettazione.it

Per approfondimenti, clicca sui link sottostanti —->>
http://www.cooperativaprogettazione.it/portfolio/da-zero-a-sei-anni-quali-tecnologie/
http://www.donnaclick.it/societa/59419/bambini-e-tecnologia-tutti-i-pro-e-contro/
 http://www.ilgiornaledigitale.it/bambini-digitali-i-pro-i-contro-realta-tecnologica-8586.html Riabilitazione Bergamo 148

Share Button