News

Cervello e smartphone: ora ci crede anche Google.

Cervello e smartphone: Google affida ad un luminare delle neuroscienze la ricerca sull’utilizzo degli smartphone per la cura delle malattie cerebrali. Bene, qualcosa si muove nel campo degli Ausili Cognitivi!

“Siamo ambionevolmente ambiziosi”, dice Tom Insel  quando viene intervistato sui suoi piani per Verily Life Sciences, un’organizzazione di ricerca cresciuta attorno a Google.

Thomas Roland Insel (nato il 19 ottobre 1951) è un neuroscienziato americano e uno psichiatra che ha guidato l’Istituto Nazionale di Salute Mentale (NIMH) dal 2002 al novembre 2015. Prima di diventare Direttore del NIMH, è stato il direttore fondatore del Centro per la Neuroscienza Comportamentale presso l’Università Emory di Atlanta, Georgia.

E’ noto per la ricerca sull’ossitocina e sulla vasopressina, due ormoni peptidi implicati in comportamenti sociali complessi, come la cura e l’attaccamento dei genitori. Il suo impegno è legato all’avanzamento delle tecnologie che si occupano di assistenza sanitaria mentale.

L’articolo racconta i primi lavori di Insel in ricerca comportamentale, nonché la sua influenza sul campo degli antidepressivi e studi clinici sulle droghe.

Ora si appresta a dirigere una nuova squadra di ricercatori nel campo della salute mentale proprio sotto la regia della Google. Potrebbe concentrarsi sulla ricerca applicata e utilizzare Google per aiutare milioni di persone a livello globale, che hanno bisogno di assistenza sanitaria mentale.

“In ogni momento, circa un miliardo dei 7,5 miliardi di persone del mondo sta lottando con problemi legati alla malattia mentale (compresa depressione, ansia, e altre patologie minori). “Non riusciremo mai a raggiungere tutte queste persone nemmeno assumendo più psichiatri”, dice Insel. Ma potremmo raggiungerli con gli smartphone “.

Lavorando con Google, Insel potrebbe avere accesso a flussi di dati continui provenienti da smartphone e utilizzarli per “rilevare lo stato di salute delle persone in modo più veloce e più affidabile di quanto possiamo ora, e poi rispondere e supportare richieste cose in modo più rapido. “

Insel crede che uno smartphone possa avere ruoli condivisi come strumento diagnostico e un modo di trattamento per supportare problemi cognitivi e in generale mentali.

La comprensione del cervello dovrebbe essere uno sforzo combinato di tutti i settori dell’assistenza sanitaria e della ricerca tecnologica.

“I disturbi cerebrali presentano problemi complicati e non risolveremo questi problemi senza un grande sforzo di squadra”. Insel sta per comporre una grande squadra. Che include giocatori tradizionali come Università, Governo e aziende farmaceutiche e i nuovi attori: le aziende tecnologiche.

L’idea di utilizzare smartphone per monitorare e valutare i comportamenti quotidiani che riguardano la salute mentale di una persona è stata descritta da Insel, come possibile da almeno cinque o dieci aziende tecnologiche. Solo con una combinazione di esperienze nell’area della salute mentale, di business e di sostenibilità, di analisi dei dati, di ricerca continua, sarà possibile sviluppare supporti credibili e funzionali.

Per saperne di più, leggi l’articolo completo dell’Atlantico.

Paving the Way for Apps in Mental Health Care.”

Cervello e smartphone

Cervello e smartphone

Share Button