News

Aringhe rosse e studio: due fattori che rallentano il declino cognitivo

Eh sì, le competenze cognitive iniziano a deteriorarsi costantemente già nel terzo decennio della vita e poi più rapidamente dai 50 anni in su.

Perché? Per una graduale riduzione della dimensione del cervello.

Mentre invecchiamo, la maggior parte di noi sperimenta ciò che gli psicologi si riferiscono come declino cognitivo legato all’età .
Alcune capacità mentali, come la memoria, la velocità di elaborazione e la percezione visiva, si contraggono con evidenza.

Ci sono, tuttavia, differenze significative tra gli individui.
Anche se il declino cognitivo relativo all’età è considerato una parte normale del processo di invecchiamento, accade rapidamente per alcune persone, mentre altre sono molto più resistenti.  Ma perché i cervelli di alcune persone e le abilità di pensiero invecchiano meglio di altri?

Ian Deary  dell’Università di Edimburgo ha affrontato questa domanda alla Royal Society di Londra in una conferenza organizzata dall’Europa Dana per il cervello ( EDAB ) e dall’Università della terza età ( U3A ), un’organizzazione internazionale che mira a educare e stimolare i membri pensionati della comunità.

Deary, direttore del Centro per l’invecchiamento cognitivo e l’epidemiologia cognitiva , ha accesso privilegiato ad un insieme unico di dati che lui e la sua squadra stanno gestendo per comprendere meglio i fattori che influenzano il tasso e la portata del declino cognitivo relativo all’età.

“Lunedi 1°  giugno 1932, la Scozia testato l’intelligenza di ogni bambino nato nel 1921, e nel giugno 1947, hanno fatto tutto da capo… La stessa cosa è stata fatta con ogni bambino nato nel 1936”. Alla fine degli anni ’90, Deary e il suo collega Lawrence Whalley hanno scoperto decine di registri contenenti i risultati delle due analisi psicologiche scozzesi che, per gli psicologi interessati all’intelligenza “era l’equivalente di aprire la tomba di Tutankhamon”.

Deary e il suo team hanno contattato centinaia di Persone che hanno preso le prove originali e li hanno iscritti nei Lothian Birth Corrs of 1921  e 1936 .

Da allora, i membri delle due coorti hanno partecipato a varie indagini, inclusi i test cognitivi, i questionari di stile di vita e le scansioni del cervello, che cercano di determinare come le loro abilità mentali sono cambiate nel tempo e perché questi cambiamenti si differenziano tra gli individui.

Nel 2012, la squadra di Deary ha pubblicato uno studio che dimostra che i fattori genetici rappresentano solo un quarto dei cambiamenti nella capacità cognitiva che si verificano dall’infanzia all’età vecchia.

Le scelte di stile di vita e forse altri fattori ancora sconosciuti rappresentano il resto.

Negli ultimi anni, molti studi hanno collegato alcuni fattori e scelte di stile di vita, come la dieta, un aumento del peso corporeo e una maggiore assunzione di alcol, al declino cognitivo più rapido dell’età.

I risultati ottenuti dal team di Deary suggeriscono che a far vivere a lungo con competenze cognitive altre potrebbero essere le aringhe rosse: ma alcuni altri fattori sembrano prevedere in modo affidabile chi rimarrà mentalmente forte anche da anziano.
Uno di questi fattori è l’intelligenza infantile: le persone che hanno ottenuto un alto livello di test a livello di IQ all’età di 11 anni nel 1936 e nel 1947 tendevano a mantenere le proprie abilità mentali anche da anziano.

L’anno scorso Deary e i suoi colleghi hanno anche riferito che un’istruzione più lunga e articolata nel tempo è associata al buon mantenimento in vecchiaia grazie a una corteccia cerebrale più spessa in un certo numero di regioni del cervello.

Per maggiori info:

http://www.dana.org/#prettyphoto[gallery1]/0/
http://www.dana.org/News/How_to_Stay_Sharp_in_Later_Life/

declino cognitivo

declino cognitivo

Share Button