News

Depressione dopo una Lesione cerebrale: come aiutare ad uscirne

La depressione è molto comune nelle persone reduci da Ictus o da Lesione cerebrale: approssimativamente il 40% dei pazienti manifesta almeno un episodio di depressione nel corso del periodo riabilitativo.

La depressione nella Lesione cerebrale può essere caratterizzata da sensi di impotenza o di colpa, rimorso e tristezza. Episodi di depressione sono considerati elementi molto importanti  nel percorso  riabilitativo del post Lesione cerebrale, e sono indipendenti dall’età, dalla durata e dalla gravità della lesione o dai deficit cognitivi.

Nei pazienti con Lesione cerebrale la depressione può essere alternativamente sovra – o sottostimata in quanto alcuni elementi dell’aspetto fisico di questi pazienti possono mimare la depressione.  Un paziente con scarsa mimica facciale, ipofonia, rallentamento psicomotorio e postura complessa, può essere considerato depresso quando invece non lo è.
Analogamente la depressione può essere sottostimata in quanto i sintomi quali la perdita di energia, di appetito, del desiderio sessuale e l’insonnia possono essere erroneamente attribuiti alla Lesione cerebrale.
C’è poi da considerare che, ad esempio, la perdita del lavoro, il pensionamento, la crisi della mezza età ecc.. possono essere causa di reazioni depressive.

In definitiva, la depressione può essere considerata parte integrante della sintomatologia post trauma, ma può richiedere un trattamento specifico, psicologico o farmacologico.

Resta attiva inoltre la Ricerca Azione di Progettazione sul Progetto: “Relazione tra cognizione e psicopatologia: interventi riabilitativi sul paziente borderline”.
Il progetto ha un obiettivo ambizioso: studiare nella pratica la relazione tra cognizione e psicopatologia, con interventi riabilitativi sul paziente borderline.
Finanziata dalla Fondazione della Comunità Bergamasca, sono partner di Progettazione nell’iniziativa, la Comunità psichiatrica La Bonne Semence  di Oltre il Colle ,  il CPS di Bergamo che offre il supporto scientifico.

Con un solo obiettivo: migliorare i percorsi di inclusione sociale di persone cerebrolese con patologie psichiatriche
Le tappe delle “cure psichiatriche” e del reinserimento sociale delle persone cerebrolese, sono numerose e articolate, tutte segnate da grande specializzazione e accurate messe a punto. Un percorso composito che si sviluppa e trova la sua migliore espressione nel rapporto tra cura e supporto sociale, per consentire alla persona di ri-acquisire il proprio “Ruolo Sociale”.

http://www.traumacranico.net/una-ricerca-azione-sul-rapporto-tra-danno-cerebrale-e-patologie-psichiatriche/

http://neuroplanet.blogspot.ae/2014/11/ictus-e-comportamento.html

Depressione

Depressione

Share Button