News

È in commercio Apple Watch 2015 tecnologia e informazioni al polso: un’opportunità per migliorare la vita quotidiana delle persone con disabilità cognitiva? Per ora no!

Apple Watch 2015  ha tecnologie innovative che sfruttano al massimo le sue piccole dimensioni, e nuovi controlli a misura di polso: con Apple Watch potrai fare tutto quello che fai di solito ma in modo più pratico e veloce, e farai cose che prima non erano neppure possibili. Sarà un’esperienza unica. E più personale che mai!

Cosi recita la pubblicità della Apple. Avere al polso un piccolo PC potrebbe essere utile come supporto alle funzioni cognitive.

Un progetto Apple Watch per disabili cognitivi sarebbe “la manna del cielo” per le persone con ridotte capacità intellettive.
E lo studio e lo sviluppo di strumenti e applicazioni di face utilizzo potrebbe riguardare anche altre tipologie di persone svantaggiate: nel 2030, il 30% delle persone sopra i 65 anni sarà affetto da demenza senile o Alzheimer. Con necessità di supporto quotidiano, di assistenza, di prevenzione e di cura.

La ricerca su questi temi è all’anno zero.

Per ora Apple Watch preferisce sperimentare il fitness, e si dimentica completamente un’emergenza che potrebbe minare alla radice società occidentale.
La riproducibilità dell’utilizzo di applicazioni e di device a supporto della vita quotidiana, anche in situazioni di svantaggio, oltre che una necessità è un’emergenza.
Con le stesse possibilità di sviluppo che hanno avuto gli ausili la disabilità fisica: partiti da una normale stampella, sono arrivati agli arti artificiali.

La disabilità cognitiva necessita di supporti, di ausili e aiuti: sopratutto a supporto alla vita quotidiana

Speriamo nella Apple, o nei suoi concorrenti e, perché no, nelle università italiane.

Per approfondimenti e maggiori informazioni, clicca qui:

https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&rlz=1C5CHFA_enIT555IT555&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=Apple+Watch+2015

Riabilitazione Bergamo 100

Share Button