News

GLIC: la rete italiana di consulenza sugli ausili informatici elettronici per disabili. Una opportunità da non perdere

Riteniamo importante segnalare la presenza sul territorio di GLIC, la rete italiana dei centri di consulenza sugli ausili informatici ed elettronici per disabili. Un’opportunità importante per avere ausili informatici, anche  come supporti della vita quotidiana per la disabilità cognitiva.

Volentieri segnaliamo che dal 1996 una ventina di Centri italiani di riferimento nel settore degli ausili informatici ed elettronici per disabili collaborano in un gruppo di lavoro interregionale (GLIC). Si tratta di realtà stabili, pubbliche o private, senza fini commerciali, che hanno avviato un confronto tecnico-scientifico e una collaborazione permanente.

I Centri del GLIC, pur presentando alcune diversità a livello dei settori specifici di interesse o della tipologia di utenza, hanno in comune l’erogazione a diversi livelli di prestazioni come informazione, consulenza, supporto, formazione/ricerca e sono dotati di una équipe di lavoro e di un parco di ausili e soluzioni.

L’idea alla base della collaborazione fra i Centri è che sia oggi necessario ed urgente creare i presupposti per una ricaduta concreta del progresso tecnologico sulla qualità della vita delle persone disabili: poiché le tecnologie sono disponibili, occorre passare da una fase di sperimentazione ad una fase di potenziamento e gestione delle risorse, operando per una reale fruibilità di strumentazioni e servizi. L’obiettivo dei Centri che partecipano al GLIC è quello di mettere a disposizione le reciproche conoscenze per elaborare strumenti e proposte a favore di un reale sviluppo dell’intero settore degli ausili informatici ed elettronici, a fronte dell’aumento di aspettative e richieste di servizio delle persone disabili.

Le finalità del GLIC sono:
– Il potenziamento e la valorizzazione delle realtà esistenti;
– La messa in rete e integrazione delle risorse fra centri;
– La promozione culturale e la divulgazione di conoscenze;
– L’aggiornamento;
– La formazione e la ricerca;
– Lo studio e la verifica di trasferibilità di modelli, finalizzati alla creazione di nuove realtà (centri, servizi);
– L’attivazione di collaborazioni con:

  • le istituzioni, per fornire contributi verso risposte legislative più aderenti ai bisogni dell’utenza;
  • le realtà rappresentative dei disabili, per definire criteri e metodi per l’erogazione dei servizi e per una maggiore partecipazione dei disabili al processo decisionale e attuativo legato all’adozione di ausili;
  • le realtà del mercato degli ausili, per favorire una reale fruibilità degli stessi e un proficuo interfacciamento fra produttore-distributore e consumatore disabile.

Per maggiori info, clicca qui –>> http://www.centriausili.it/glic/default.asp?az=elenconot

Riabilitazione Bergamo 81

Share Button