News

I 7 peccati della memoria

Quante volte ci siamo sentiti dire “ho una memoria di ferro!” o “io ho una memoria fotografica!”

In effetti ci sono persone in grado di immagazzinare e ritenere informazioni più a lungo e più dettagliatamente di altri. Oggi sappiamo però che il nostro cervello non è un registratore e che quando facciamo i conti con ciò che ricordiamo facciamo anche i conti con i 7 peccati della memoria:

  • Labilità: ad una festa incontriamo una persona che ci saluta calorosamente; siamo in imbarazzo… non ci ricordiamo proprio chi sia. Le informazioni non archiviate con ripetizione scritta ed orale e non  rievocate spesso  vanno perse.
  • Distrazione: senza attenzione non è possibile formare un buon ricordo. Possiamo sovrappensiero lasciare le chiavi di casa in un posto diverso dal solito… Sarà difficile poi ritrovarle!
  • Blocco: ce l’ho sulla punta della lingua… Non riuscire a trovare un ricordo quando in realtà è presente in memoria.
  • Errata attribuzione: si verifica quando rievocando un ricordo riassembliamo le varie tracce mnesiche che lo compongono in modo errato.
  • Suggestionabilità: é diverso chiedere si ricorda come era vestita la signora? Piuttosto che ..era vestita con un abito rosso quella donna? Altre persone o le circostanze ci orientano verso un ricordo non vero ma possibile
  • Distorsione: dopo un divorzio i ricordi dei 2 coniugi sono ben differenti…… nella distorsione i ricordi del passato vengono modificati e adattati alle opinioni e ai bisogni  del presente.
  • Persistenza: si verifica quando un ricordo tende a rimanere in modo forte senza decadere nella nostra memoria. Dipende dalla forza emotiva che si associa a quel ricordo. I brutti ricordi ( traumi psichici , violenze ) tendono a non andarsene.

La formazione del ricordo (o traccia mnesica), avviene attraverso 3 fasi (Apprendimento,  Consolidamento e Rievocazione)  e il suo buon esito dipende da molti fattori ma in particolare dal livello di attenzione selettiva e sostenuta,  di motivazione e di concentrazione verso il materiale da apprendere.
In aggiunta, sappiamo che nei processi di consolidamento e rievocazione la traccia mnesica viene inconsapevolmente rielaborata e modificata dalla persona (fenomeno detto distorsione dei ricordi) rimanendo più o meno fedele all’informazione originaria.  Questo spiega perché i ricordi sono qualcosa di assolutamente soggettivo e personale che non combacia strettamente con i ricordi di coloro che hanno vissuto gli stessi eventi accanto a noi e che possono modificarsi nel tempo.

A cura di S. Feller – Neurologo

Per maggiori informazioni, clicca sui link sottostanti —->>
https://en.wikipedia.org/wiki/Memoria 
http://www.traumacranico.net/riabilitazione-neuropsicologica/

Riabilitazione Bergamo 135

Share Button