News

Perché non picchiare i bambini ?

C’è una storia ricorrente su una mamma che credeva che le “sculacciate” fossero una parte necessaria per educazione e disciplina. Finché un giorno ha osservato la figlia di tre anni che colpiva il fratellino di un anno. Quando ha chiesto perché picchiasse il piccolo, la figlia ha candidamente risposto: “Sto giocando alla mamma”.

I bambini imitano. Specialmente chi amano e rispettano. Percepiscono che è giusto che fare, quello che fanno i genitori. E i genitori, ricordino, che stanno allevando madri e padri di qualcun altro, mogli o mariti del futuro.

Le tecniche disciplinari utilizzate con i figli saranno quelle che, con più probabilità, utilizzeranno a loro volta per svolgere il ruolo di genitore. E forse di moglie. O di marito.

La famiglia è un campo di addestramento per insegnare ai bambini come gestire i conflitti.

Molti studi dimostrano che bambini provenienti da famiglie “rissose” hanno più probabilità di utilizzare l’aggressività per gestire i conflitti quando diventano adulti.

Anche “solo” sculacciare, dimostra che è giusto che persone colpiscano altre persone. E che è giusto che persone grandi colpiscano persone piccole. E persone più forti picchino persone più deboli. I bambini imparano che quando hai un problema lo risolvi con una bella sberla. Un bambino il cui comportamento è controllato da sculacciate è probabile che continui questa modalità di interazione in altre relazioni con fratelli e coetanei e, infine, un coniuge o la prole.

Spesso si dice: “Non può succedere nulla di grave. Perché per la maggior parte del tempo gli mostro un sacco di amore e di gentilezza. Un’occasione particolare non lo marchierà. Questa razionalizzazione è valida per alcuni bambini, ma altri ricordano i messaggi violenti più che i teneri. Potremmo avere abbracciato 100 o 1.000 volte e picchiato solo 1. Ma il rischio è che tuo figlio ricordi e sia influenzato più dall’unico colpo che dai 100/1000 abbracci. Specialmente se questo colpo è stato inferto con rabbia o ingiustamente. Accade a molti. E troppo spesso.

La punizione fisica dimostra che è giusto sfogare l’irritazione colpendo altre persone. Questo è il motivo per cui l’atteggiamento del genitore che da una sberla, lascia una grande impressione nel bambino.

Se controllare gli impulsi violenti o furiosi è una delle cose che stai cercando di insegnare ai tuoi figli, una sculacciata potrebbe vanificare questo insegnamento.

Le linee guida anti-sberle solitamente danno l’avvertimento: non “pretendere di educare” quando senti arrivare la rabbia. Se questo orientamento fosse fedelmente osservato, il 99 per cento di “botte” non sarebbero elargite, perché una volta che il genitore si è calmato può ottenere un metodo più appropriato di correzione.

 

Per maggiori informazioni:
http://www.cooperativaprogettazione.it

non picchiare i bambini

non picchiare i bambini

 

Share Button