News

Qualcosa si muove: anche Confartigianato in piazza per parlare di Alzheimer, ma parliamo della Lombardia

In Lombardia le persone che soffrono di Alzheimer o demenze senili sono 68 mila, il 6,9 per mille della popolazione anche Confartigianato per parlare e sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi dell’Alzheimer. Il 2 aprile ha promosso la IX giornata Nazionale di predizione in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Geriatriche dell’Università la Sapienza di Roma e la Croce Rossa Italiana.

La natura di queste malattie le porta a concentrarsi tra le persone con 65 anni ed oltre che contano infatti 66 mila casi e rappresentano il 97,1% del totale di questi malati.
Relativamente alle persone di 65 anni ed oltre va inoltre segnalato che i casi diagnosticati sono 66 mila, 2 mila in meno rispetto ai casi dichiarati, di cui rappresentano quindi il 97,1%.
Applicato il tasso di crescita previsto al 2030 del +43% nei paesi del G7 (Alzheimer’s Disease International, 2015) si stima che a livello nazionale i malati saranno 800.800, con un ritmo di crescita di 39 nuovi malati al giorno, e in Lombardia 97 mila.

Considerando l’incidenza delle persone che soffrono di Alzheimer o demenze senili disponibile a livello regionale (6,9 ogni 1.000 persone) stimiamo che i casi diagnosticati in provincia di Milano sono 21.000, in provincia di Brescia sono 9.000, in provincia di Bergamo sono 8.000, in provincia di Varese sono 6.000, in provincia di Monza e Brianza sono 6.000, in provincia di Como sono 4.000, in provincia di Pavia sono 4.000, in provincia di Mantova sono 3.000, in provincia di Cremona sono 2.000, in provincia di Lecco sono 2.000, in provincia di Lodi sono 2.000 e in provincia di Sondrio sono 1.000.

Possiamo ancora pensare che è un tema che non ci tocca?

Per approfondimenti:  http://www.vita.it/it/article/2016/04/01/confartigianato-in-piazza-per-combattere-lalzheimer/138871/

Riabilitazione Bergamo 169

Share Button