News

Quanto serve l’allenamento cognitivo nella prevenzione delle malattie cerebrali degenerative?

In un articolo del New York Times , Paula Span assume una posizione critica sull’allenamento del cervello, funzionale al miglioramento cognitivo e alla protezione di fronte alle malattie degenerative.

Nell’articolo del giornale newyorkese, una prestigiosa fonte scientifica pone qualche quesito sulla reale efficacia dell’allenamento cognitivo.

Con una serie di considerazioni:

Dove troviamo la dimostrazione che questi approcci cognitivi di formazione effettivamente funzionano? Risulta un miglioramento nelle aree cognitive diverse da quelle che sono al centro degli esercizi di allenamento?

Gli studi che rispondono a questa domanda sono difficili da eseguire.
Chi è possibile studiare? E per quanto tempo?
Le probabilità è che lo studio, che avrà un gruppo di studio e un gruppo di controllo, si realizzerà su una popolazione attenta al tema.
Più probabilmente conterrà persone motivate da problemi cognitivi presenti nella loro famiglia e che quindi sono molto ansiose di partecipare ad un processo conoscitivo.

Ma che altro sono questi soggetti motivati a valutare le loro funzioni cognitive?
Gli elementi di contorno, quali ad esempio le diete, integratori vitaminici, esercizio di routine, esercizi fisici. Pochissimi di questi sono stati adeguatamente valutati.

I fattori più importanti, come la storia familiare e genetica, sono solo di recente in fase di elaborazione. In uno studio di potenziamento cognitivo, quanto siamo sicuri che tutto ciò venga valutato?

E allora cosa si può fare?
In primo luogo, continuare a monitorare ed escludere la pubblicità ingannevole. O che propone interventi miracolistici e particolarmente costosi! Questa pubblicità si rivolge a un gruppo estremamente vulnerabile: la popolazione ansiosa di preservare le sue capacità cognitive.

Questo tema, quindi, ha bisogno di più attenzione, di pianificazione e di attività di ricerca.

Nel frattempo restare allenati, non fa male, in attesa di risposte scientifiche. Non abbiamo certezze, ma un’attenzione particolare al nostro cervello, non può che far bene a noi e a chi ci sta vicino.

allenamento cognitivo

allenamento cognitivo

Share Button