News

Quelle 5 cose da fare per la salute del nostro Cervello

Domenica 19 Marzo Progettazione ha chiuso la Settimana del Cervello con un gazebo sul Sentierone.
È stata l’occasione per presentare le 5 cose da fare per mantenere a lungo e in buona salute il nostro Cervello e prevenire le malattie neurodegenerative.

Non è mai troppo tardi per cominciare a prendersi cura del proprio cervello. Ecco i 5 consigli che mantengono il Cervello in forma e pronto per affrontare il futuro:

  1. Fisico sempre attivo
  2. Ridurre i fattori di rischio vascolare (pressione e colesterolo) con una buona dieta e stile di vita sano
  3. Attenzione all’abuso di farmaci, di alcool e fumo, e un deciso no all’uso di droghe
  4. Cervello vivace con attività sociale e intellettuale e sonno adeguato.
  5. Monitoraggio del funzionamento. Come facciamo per il cuore, la vista, il colesterolo ecc. Dobbiamo valutare con attenzione ogni piccolo segno di affaticamento cognitivo. E curarlo.

Quindi all’attenzione alla forma fisica, al nostro aspetto e al funzionamento di tutti i nostri organi interni ed esterni, aggiungiamo il Cervello.

Ci preoccupiamo per ogni piccolo dolorino facendolo analizzare con cura: bene! Facciamolo anche sul funzionamento del nostro cervello? Ogni quanto tempo facciamo un  bel check-up di controllo?

Di come si sviluppano le malattie cognitive degenerative ne sappiamo poco. Di come si curano, ancora meno. Scienziati e medici stanno lavorando sodo sul tema. E qualcosa si muove, qualche elemento in più di conoscenza comincia ad esserci.

La scienza e la medicina ci aiuteranno. Ma ognuno di noi deve riservare un’attenzione specifica al proprio cervello.

Serve un “check-up cognitivo”?

Servirebbe sempre, ma facciamolo velocemente almeno ai primi sintomi di affaticamento cerebrale. E dove risulta necessario, possiamo “provare” ad anticipare e rallentare il decadimento. Il declino cognitivo può essere valutato, prevenuto, curato, in attesa che venga in futuro guarito.

L’affaticamento del cervello, deve essere affrontato con la partecipazione di tutti, consapevoli del diritto di chiedere la valutazione delle proprie funzioni cognitive con la stessa determinazione posta per le funzioni fisiche: in primis degli anziani stessi.

La popolazione anziana deve promuovere, chiedere e diffondere la necessità di screening e valutazione per evitare il declino cognitivo, che comporta sempre una menomazione funzionale.

Perché intervenire precocemente con attività di stimolazione cognitiva, permette un progetto riabilitativo di rallentamento che protegge la persona e la famiglia. Perché informare e orientare gli anziani e le loro famiglie sui percorsi diagnostici e di cure già esistenti è un’importante azione di supporto e sollievo in qualsiasi stadio di compromissioni cognitive.

Progettazione presso le sedi di Milano e Bergamo, ha attivato un servizio specifico per lo screening (valutazione delle funzioni cognitive) e sedute individuali e collettive di esercizi per il mantenimento e il rafforzamento delle funzioni cognitive: memoria, attenzione, abilità logiche, ragionamento, calcolo …ci si può allenare e potenziare il cervello, così come l’aerobica attiva i muscoli e favorisce la coordinazione e la flessibilità del corpo!

Per informazioni ed approfondimenti: info@cooperativaprogettazione.it

Bergamo: 035.657351
Milano: 02.70638795

Per maggiori informazioni:

http://www.cooperativaprogettazione.it/invecchiamento-attivo/

Banchetto

Banchetto

Share Button