News

Reinserimento lavorativo per disabili: 21 milioni di euro dall’INAIL

L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) si impegna a promuovere l’inclusione e il reinserimento lavorativo per i disabili stanziando 21 milioni di euro a favore delle imprese e degli enti che interverranno direttamente nell’integrazione al lavoro.

Gli interventi previsti da INAIL si inseriscono in un più ampio progetto di reinserimento lavorativo personalizzato comprendente il coinvolgimento del lavoratore e la partecipazione attiva del datore di lavoro, che cura direttamente la fase esecutiva coerentemente alle misure organizzative e alle esigenze dell’azienda.

INAIL si impegna pertanto a rimborsare ai datori di lavoro le spese necessarie alla realizzazione degli interventi fino a 150mila euro per ciascun progetto personalizzato, con la possibilità di ottenere un’anticipazione fino al 75% della spesa.

Più nello specifico, per gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, inclusi gli interventi edilizi, impiantistici e domotici, è previsto un massimo di spesa rimborsabile da parte di INAIL pari a 95mila euro, mentre nel caso di interventi di adeguamento e di adattamento delle postazioni di lavoro, completi di arredi, ausili e dispositivi tecnologici, informatici o di automazione il rimborso può arrivare fino a un massimo di 40mila euro.

Per quanto riguarda invece gli interventi di formazione (in cui rientrano sia gli interventi personalizzati di addestramento all’utilizzo delle postazioni sia quelli di tutoraggio utili ad assicurare lo svolgimento della mansione) la spesa massima rimborsabile è pari a 15mila euro.
Per promuovere questa nuova iniziativa, INAIL organizzerà una serie di eventi nelle proprie sedi territoriali, illustrando approfonditamente le modalità di attivazione degli interventi a tutela delle persone con disabilità da lavoro per la conservazione del posto di lavoro.

L’obiettivo è dare forza al modello di servizio del “nuovo INAIL”, che mette al centro la persona con disabilità da lavoro come destinataria non solo di indennizzi per il mero danno biologico, ma anche di una più completa serie di interventi personalizzati diretti a favorire il massimo recupero delle funzioni lese e la piena integrazione in ambito familiare, sociale e lavorativo.

Per saperne di più:
https://www.inail.it/cs/internet/comunicazione/sala-stampa/comunicati-stampa/comunicato-stampa-reinserimento.html

INAIL reinserimento

Share Button