Disabilità cognitiva e intellettiva

Disabilità cognitiva e intellettiva: manteniamo e sviluppiamo competenze, interessi e  abilità residue.

Dopo il tempo della scuola, intorno ai 18 anni, le persone con disabilità cognitiva, spesso non trovano percorsi adeguati per mantenere e, quando possibile, sviluppare le proprie competenze cognitive.

Dopo il ciclo scolastico e formativo le strade possibili e percorribili (quando è possibile attivarle) riguardano:

  • Disabilità cognitiva

    Disabilità cognitiva

    l’inserimento nel mondo del lavoro

  • un centro di assistenza diurna
  • l’occupazione protetta presso una cooperativa di tipo B
  • una nuova formazione professionale
  • il restare in famiglia

Percorsi diversi, importanti, funzionali e con sviluppi articolati, ma tutti rischiano di privilegiare l’aspetto del “fare”, lasciando in secondo piano il mantenimento delle competenze cognitive, intellettive e relazionali.

Le persone con disabilità cognitiva/ intellettiva possono accedere a servizi, dedicati e individualizzati, che riguardano: 

  • Mantenimento e sviluppo delle capacità  di gestione della vita quotidiana. Con attività’ che si svolgono pressi i Centri di Milano, Bergamo, Pedrengo attraverso la partecipazione a laboratori pratici per l’autonomia personale, l’utilizzo dei media, delle nuove tecnologie, della APP riabilitative personalizzate e del PC, con una attenzione particola alla partecipazione ai processi decisionali;
  • Mantenimento e sviluppo delle capacità cognitive, attraverso programmi di gruppo ed individualizzati, presso i Centri o a domicilio, con l’utilizzo di Ausili tecnologici, e APP riabilitative;
  • Mantenimento e crescita delle autonomie e della socializzazione, attraverso progetti individualizzati da realizzarsi sul territorio e negli spazi abituali di vita);
  • Valutazione e sviluppo delle abilità lavorative (sul territorio e presso i Centri);
  • Sostegno psicologico alla persona ed ai familiari.

Le proposte sono funzionali a giovani appena usciti del percorso scolastico, ma anche a persone adulte che, per motivi diversi, hanno interrotto il percorso di integrazione sociale o hanno privilegiato aspetti diversi del reinserimento sociale, perdendo e non sviluppando adeguatamente le competenze cognitive ed intellettive.

Disabilità intellettiva

Disabilità intellettiva

La disabilità intellettiva non esclude il piacere della conoscenza, lo sviluppo del sapere individuale, la scoperta e l’approfondimento , la soddisfazione di nuove competenze e lo sviluppo delle passioni.

La disabilità cognitiva non esclude ne cultura, ne sapere.

La crescita individuale porta a intraprendere strade e percorsi articolati, spesso complessi e faticosi per chi ha una disabilità. Come per tutti.


Riteniamo sempre il primo incontro di conoscenza reciproca, per valutare se è possibile attivare un percorso condiviso.  Per questo il primo incontro non ha costi.

Per scoprire le strade possibili chiama uno dei Centri della Cooperativa Progettazione.

 – a Milano in Via Teodosio, 4 – Tel: 02 70638795 

 – a Bergamo in Via Giorgio e Guido Paglia, 26 

– a Pedrengo (BG) in Via G. Battista Moroni, 6 – Tel: 035 657351 

– a Serina (BG) in  Via Europa, 20 – tel. 0345.65185 

Referente dei progetti: dott.ssa Claudia Maggio  – Mob: 346 3264837 – mail:  c.maggio@cooperativaprogettazione.it  

Share Button