Valutazione cognitiva e funzioni cerebrali

Contenuto Clinico: i test per la Valutazione Cognitiva sono indicati per persone che vogliono analizzare le proprie funzioni cerebrali in chiave preventiva.

La valutazione cognitiva è consigliata anche a persone che manifestano, percepiscono o rilevano sintomi di affaticamento cerebrale. Valutare le funzioni cerebrali è funzionale a rilevare eventuali predisposizioni a demenza o Alzheimer.

Durante l’approfondimento vengono valutate funzioni quali memoria, attenzione, coordinazione, velocità psicomotoria, memoria di lavoro, abilità prassiche, linguaggio e funzioni esecutive.

 

Prerequisiti: la valutazione viene realizzata anche in caso di assenza di sintomatologie specifiche, su espressa richiesta dell’interessato.

Modalità: la valutazione cognitiva viene realizzata attraverso una serie di batterie testistiche da un neuropsicologo clinico. Le fasi della valutazione e prevedono un colloquio iniziale, una serie di test valutativi delle funzioni cognitive indicate, un approfondimento su eventuali difficoltà evidenziate o specifici affaticamenti cerebrali, una relazione finale con la presentazione dei risultati. In caso di necessità è prevista una fase di approfondimento neurologico.

Destinatari degli interventi sono. in generale, adulti sopra i 50 anni, o persone che manifestano o rilevano sintomi di affaticamento cerebrale e desiderano approfondire la conoscenza dei propri processi cognitivi.

Vedi anche:  valutazione neuropsicologica

Per approfondimenti o anche solo per  informazioni scrivi a info@cooperativaprogettazione.it

 

 

Share Button
valutazione neurocognitiva