News

Intercultura…da gustare: cucina Iraniana e il dialogo interculturale – Pedrengo 22 marzo 2019

Intercultura e Show-cooking SAPORI E SAPERI, DIALOGO IN CUCINA: cena iraniana e laboratorio interculturale.
Quota di partecipazione  €20,00, con degustazione condivisa. Pedrengo 22 marzo, dalle ore 17:30 alle ore 20:30, in Via Moroni 6 per un massimo di 15 partecipanti.

Per prenotazioni:
http://www.formazionesocialeclinica.it/portfolio/intercultura-e-cucina/

Intercultura … da gustare: la cucina Iraniana e il dialogo interculturale.

I sapori e le preparazioni agroalimentari locali, la cucina tipica dei territori, appartengono al “patrimonio culturale immateriale” (convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale – UNESCO – Parigi, 2003).

Sono occasioni per conoscere le specialità di altri Paesi e condividere il piacere dell’incontro. Un modo semplice per abbattere le barriere culturali e favorire l’integrazione.

La cucina iraniana è molto antica e, come la cultura del Paese, affonda le radici nella notte dei tempi ed è una perfetta simbiosi tra tradizione e cultura dove convivono influenze che vanno dall’Asia Centrale al Mediterraneo. L’elemento filosofico più importante è che la cucina è direttamente parte della tradizione nazionale, e viene considerata essa stessa parte del fondamentale concetto di “ospitalità”. Non a caso, in tutte le case, quando si cucina si calcolano sempre un paio di porzioni in più per gli ospiti.

L’ingrediente principale è il riso (Celò e Polò), la qualità di riso utilizzato è quello basmati che viene cotto al vapore dopo averlo tenuto una notte a bagno in acqua salata. Il riso così ottenuto viene condito (Polò) oppure viene accompagnato da salse (Khorèsht) molto elaborate. Si tratta di stufati di carne conditi con frutta, frutta secca, spezie ed erbe aromatiche. L’utilizzo delle spezie nella cucina iraniana è molto sapiente e raffinato ed i profumi non coprono mai il sapore degli ingredienti principali. Intercultura

La caratteristica più curiosa della filosofia gastronomica iraniana riguarda però il concetto di “alimento caldo” e “alimento freddo”, che ovviamente non dipende dalla temperatura. Si classificano gli ingredienti in caldi e freddi a seconda del contenuto calorico e di come un certo cibo “interagisce con il Ph del sangue”.

Tutta la cucina è pensata in questo senso cioè si cerca di abbinare un ingrediente caldo con uno freddo. Questo per mantenere un equilibrio: se si mangia solo caldo si potrebbero avere i brufoli, l’insonnia o l’aumento della pressione; se si mangia troppo freddo si potrà avere mal di pancia, sonnolenza, pallore e generale debolezza.
Non si tratta, ovviamente, di posizioni mediche, ma di nozioni tradizionali a cui si rifà quasi ogni iraniano.

Lo show-cooking si terrà venerdì 22 marzo 2019 dalle 17:30 alle 20:30, presso il Centro Diurno di ProgettAzione, in Via Moroni, 6 a Pedrengo (Bg).

A termine della preparazione dei cibi vi sarà una cena condivisa.

La quota di partecipazione è di €20 per un massimo di 15 partecipanti.

DOCENTI

Maida Ziarati: Sono una donna iraniana cresciuta in Medioriente. Ho cominciato a cucinare da piccola aiutando e osservando mia madre. Crescendo ho imparato da tantissime maestre-cuoche all’estero e in Italia.
Cucinare per me è un atto di amore verso i miei cari: famigliari o amici. Amo la cucina salutare, semplice, tradizionale ed autentica. Dicono che sono una brava cuoca!

Chairman: Dott.ssa Eleonora Beschi

Scarica il PDF:
Volantino Dialogo interculturale e cena iraniana.pdf

Per approfondimenti:
https://www.cooperativaprogettazione.it/cooperativa-progettazione-2/

 

SAPORI E SAPERI, DIALOGO IN CUCINA Show-cooking

Share Button

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply